Pesce al microonde: scopri tutti i trucchi per ottenere il massimo

Pesce al microonde

Tra lavoro casa e famiglia, si trova sempre meno tempo per cucinare e, di conseguenza, di mangiare piatti sani e ricchi di nutrienti. Troppi pasti veloci fatti di fast food o, ancora meglio, di junk food (cibo spazzatura). Per di più i pasti non sono più dei momenti tranquilli, ma un atto che diventa frenetico a cui dedichiamo troppo poco tempo.
In questo contesto il forno a microonde si è guadagnato indiscussa fama. In pochi minuti permette di ottenere un pasto ben cotto. Molti utilizzano il microonde per scongelare pasti pronti acquistati al supermercato, ma questo elettrodomestico può rivelarsi un fantastico alleato in cucina, facendoci riscoprire piatti sani e genuini a cui va dedicato poco tempo per la cottura.
Come per tutte le ricette, in realtà, a prescindere dal tipo di cottura, a contare veramente è la materia prima. Quando la materia prima è di qualità, difficilmente si può sbagliare qualcosa. In questo caso il forno a microonde è semplicemente un mezzo che ci permette di ottenere buoni risultati in poco tempo.
Un alimento che troppo spesso viene tralasciato, a causa delle troppe cure che necessità, è il pesce.
Questo, infatti, va ben pulito e la cottura, anche se svelta, al il fastidioso in convenite dell’odore che pervade casa.
Il microonde, in questo caso più che mai, può esserti d’aiuto. Vediamo come 🙂 .

 

Cucinare il pesce al microonde: le caratteristiche del forno

Il pesce si presta molto bene a questo tipo di cottura. In particolare il  pesce spada, il salmone, lo sgombro, l’orata e tutti gli altri pesci con valori di omega 3 molto alti.
Ma come si cuoce il pesce al microonde? Le modalità sono diverse e possono cambiare anche a seconda del modello di microonde che possiedi. Il modo forse più sano è la cottura a vapore. Per poter cuocere a vapore al microonde basta attrezzarsi dell’apposita vaporiera, più compatta e, soprattutto, più economica delle classiche vaporiere. Grazie a questo accessorio il pesce si cuocerà sia grazie all’azione delle microonde, sia grazie al vapore. Per rendere il pesce più gustoso è possibile adoperare spezie ed erbe aromatiche che andranno ad insaporire la carne.
Per questo tipo di cottura, il microonde non deve avere delle caratteristiche particolari.
Se vuoi ottenere un piatto più gustoso, allora puoi avvalerti di un microonde con funzione grill o, ancora meglio, con funzione crisp.
Questi microonde sono dotati di un particolare piatto che attraverso l’azione delle microonde diventa incandescente. Questo piatto permette, quindi, una cottura più uniforme e permette anche la reazione di Maillard.

 

La procedura

Cuocere il pesce al microonde non è molto diverso dal cuocerlo con le normali tecniche di cottura.
Innanzitutto va ben pulito e poi a seconda della ricetta si può lasciare intero o sfilettarlo.
Attenzione al pesce al cartoccio! La carta stagnola comunemente utilizzata per questa ricetta, non è compatibile con le microonde (leggi qui per saperne di più). In alternativa può essere utilizzata la carta forno.

Nel caso in cui decidi di lasciare il pesce intero, petti al suo interno gli aromi che preferisci: aglio prezzemolo, sale pepe e limone sono i classici, ma puoi insaporire anche con zenzero, salvia e tanto altro.

 

I tempi

Ho tanto decantato i tempi più veloci di cottura del microonde, ma quali sono?
Tieni conto di una cosa: il microonde inizia a scaldare sin da subito la pietanza che vuoi cuocere, a differenza di un classico forno che invece necessita di circa 10 minuti per raggiungere la temperatura da te settata.
Per cuocere il pesce al microonde i tempi sono molto brevi: bastano circa 12-15 minuti per avere una cottura ottimale.
Il mio consiglio è quello di controllarlo di tanto in tanto, in modo da avere una cottura più uniforme.