Cottura verdure al microonde: rendile appetitose in poco tempo

Cottura verdure microonde

Le verdure sono un alimento importantissimo che, grazie al loro apporto di vitamine, fibre e sali minerali, dovremmo consumare più frequentemente.
Succede, però, troppo spesso, che ne trascuriamo il consumo, vuoi perché si devono pulire, vuoi perché a molti non piace il sapore.

In realtà le verdure, oltre a essere saporite e povere di grassi, possono essere cotte in diversi modi per ottenere dei piatti prelibati. 

Lo so, spesso i ritmi quotidiani della vita risultano essere frenetici e risulta difficile a dedicare del tempo per preparare un pasto completo. Per fortuna la tecnologia è dalla nostra parte, e ci ha “donato” degli elettrodomestici capaci di abbattere i tempi di cottura. Avrai già intuito che sto parlando del microonde 🙂 .

Purtroppo per quanto riguarda la pulizia, quella dobbiamo farla ancora noi, quindi prenditi 10 minuti e pulisci le tue verdure.
Se sei uno di quelli che ha un pregiudizio riguardo la cottura a vapore, ti sbagli di grosso. Soprattutto i moderni forni a microonde, infatti, sono dotati di diverse funzioni di cottura (grill e cottura ventilata) che permettono di cuocere i cibi in modo gustoso. Inoltre, proprio la cottura a microonde evita che i sali minerali finiscano nell’acqua di cottura, come invece avviene nella lessatura.
Hai già lavato le tue verdure? Adesso non ti resta che decidere come prepararle.

 

Come cuocere le verdure a microonde: eccoti alcuni consigli

Una regola generale che vale sempre è quella di lasciare la buccia delle verdure. È proprio nella buccia, infatti, che contiene il maggior numero di antiossidanti.
Ma adesso passiamo alle varie alternative per cuocere le nostre verdure al microonde:

  • al vapore: la cottura a vapore è quella che, tra tutte, preserva maggiormente i nutrienti contenuti nelle verdure. Le temperature più basse e la mancanza di acqua di cottura preservano le proprietà organolettiche e tutte le sostanze nutritive. Inoltre ci permetti di avere piatti più leggeri visto che non si utilizzano grassi. Per insaporire le verdure basta aggiungere le spezie e gli aromi che più ti piacciono.
  • funzione crisp: la funzione crisp è presente nei microonde di ultima generazione.In questo caso il microonde è dotato di un particolare piatto che permette una cottura più rapida ed uniforme. Si tratta di una cottura perfetta per ottenere verdure grigliate o al graten.
  • cottura ventilata: permette di disidratare velocemente la superficie e, coadiuvata dalla cottura a microonde, ti permette di cuocere in minor tempo.

 

Acqua si, acqua no

L’aggiunta dell’acqua permette di ottenere diversi risultati. 
Per verdure come carciofi, carote, o verdure dalla consistenza dura ( e quindi molto poveri di acqua) è consigliabile aggiungere un po’ di acqua di cottura, ma questo dipende sempre dal risultato che vogliamo ottenere. Prendiamo ad esempio le patate: in questo caso possiamo aggiungere l’acqua ed ottenere una zuppa o, altrimenti, è possibile aggiungere un filo di olio per ottenere delle ottime patate arrosto (avvalendosi, naturalmente, della funzione grill).
Se poi abbiamo la funzione crisp, con il giusto taglio delle verdure possiamo ottenere chips di qualsiasi verdura: chips di patate, di pomodoro o, addirittura, chips di frutta.

Passando a verdure come melanzane e peperoni, ben si prestano ad essere grigliate o preparate a graten. In questo caso è possibile tagliarle o a striscioline o a fette di egual spessore.

 

Quale contenitore?

Anche la scelta del contenitore è molto importante. Prima di adoperare il primo che ti capita sotto mano, assicurati che questo sia adatto per la cottura a microonde. Materiali come l’alluminio, polistirolo o i normali contenitori in plastica, non sono compatibili con questo tipo di cottura.
Se vuoi sapere con esattezza quali sono i contenitori più indicati per la cottura a microonde, leggi questo articolo.

 

I tempi di cottura

Il forno a microonde ha l’enorme pregio di cuocere più velocemente rispetto ai classici metodi di cottura.
Per quanto riguarda le verdure, questi tempi variano a seconda della versura, del taglio e della ricetta che si vuole preparare.
Ad ogni modo possiamo calcolare una media di circa 10 minuti. Per avere una cottura più veloce e, soprattutto, più omogenea, ti consiglio di girare le verdure a metà cottura.

Saremmo felici di leggere la tua opinione!

Lascia un commento